MOVIE TELLERS: LA TERZA EDIZIONE DAL 1° AL 31 OTTOBRE

Il “fattore Piemonte” torna a raccontare il cinema ai quattro angoli della regione con la terza edizione di Movie Tellers – Narrazioni Cinematografiche. Dal 1° al 31 ottobre la rassegna cinematografica itinerante realizzata dall’Associazione Piemonte Movie proporrà un calendario di 35 appuntamenti con 137 proiezioni in 27 città delle 8 province del Piemonte. Una programmazione ancora più ricca rispetto allo scorso anno, con piccoli e grandi film realizzati sul territorio che offriranno al pubblico uno spaccato della recente produzione cinematografica, e che ospiterà autori, protagonisti e professionisti, pronti a raccontare e raccontarsi prima e dopo le proiezioni.

Realizzato con il sostegno di Regione Piemonte, Film Commission Torino Piemonte e con la partecipazione di Museo Nazionale del Cinema, Torino Film Festival e TorinoFilmLab, Movie Tellers continua a crescere anno dopo anno coinvolgendo sempre più sale nella sua rete distributiva. Un risultato ottenuto grazie alla cooperazione a sostegno della filiera cinematografica garantita da Piemonte Cinema Network: dalle produzioni indipendenti ai giovani autori, passando per l’ampio numero di maestranze che il territorio offre in termini di professionalità e location, fino agli esercenti e agli spettatori, sia quelli alla ricerca di una proposta alternativa sia quelli geograficamente penalizzati.

Al fianco di Movie Tellers si conferma l’Associazione Stampa Subalpina, con la partecipazione di alcuni giornalisti delle località in calendario che durante le serate dialogheranno con ospiti e pubblico e con l’incontro Comunicare il cinema. I giornalisti, gli uffici stampa, il pubblico, che si terrà sabato 20 ottobre alla Sala il Movie di Torino (Via Cagliari 40/E). Una tavola rotonda per confrontarsi sul cinema come “prodotto” da promuovere e comunicare, secondo diversi approcci e punti di vista, con l’obiettivo di raggiungere e fidelizzare il grande pubblico.

 

IL CARTELLONE

Nelle 28 sale scelte con Agis-Anec Piemonte e Valle d’Aosta – di cui 6 per la prima volta in cartellone – i 12 titoli selezionati (4 lungometraggi, 4 documentari, 4 cortometraggi) sono stati girati o prodotti in Piemonte nel corso dell’ultimo anno. Una visione che sarà abbinata alle degustazioni dei prodotti locali che arricchiscono le serate di Movie Tellers, grazie alla partnership con Slow Food Piemonte e Valle d’Aosta e Nova Coop.

Fra i LUNGOMETRAGGI in rassegna due sono stati presentati al 36° Torino Film Festival: Il mangiatore di pietre (2018) di Nicola Bellucci, tratto dall’omonimo bestseller di Davide Longo, è una storia a metà fra noir e dramma umano ambientata nelle valli piemontesi al confine con la Francia, con Luigi Lo Cascio nei panni di un ex contrabbandiere e trafficante di esseri umani; Drive Me Home (2018), road movie d’emigrazione prodotto da Indyca, casa di produzione co-fondata dal torinese d’adozione Simone Catania che, con questo film, ha esordito alla regia dirigendo Marco D’Amore e Vinicio Marchioni. Un altro caso della recente stagione cinematografica è Dolcissime (2019) di Francesco Ghiaccio, film fra body shaming e voglia di riscatto girato a Torino in svariate location e presentato al 48° Giffoni Film Festival. Chiude il quartetto la commedia sulle difficoltà di dialogo fra palestinesi e israeliani Tutti pazzi a Tel Aviv (2018) di Sameh Zoabi – vincitrice del TorinoFilmLab Audience Design Fund – che, dopo l’anteprima al Festival di Venezia nel 2018, è stata distribuita con successo in oltre 10 paesi in tutto il mondo.

 

 

Accomunati dalla presenza di figure femminili sono i quattro DOCUMENTARI in programma: Butterfly (2018) di Alessandro Cassigoli e Casey Kauffman, prodotto da Indyca Film e vincitore del Globo d’oro 2019, racconta di una campionessa di boxe che da Torre Annunziata arriva alle Olimpiadi, mentre in Dove bisogna stare (2018), presentato al 36° Torino Film Festival, il regista Daniele Gaglianone mostra le vite di quattro donne che praticano l’accoglienza nell’Italia di oggi. Lo sguardo si sposta verso scenari contaminati dalla fantasia con Sa femina accabadora (2018) di Fabrizio Galatea, prodotto dalla torinese Zenit Arti Audiovisive e girato in Sardegna, dove affondano le radici della leggendaria figura dell’accabadora, che fino agli anni Sessanta praticava un’antica forma di eutanasia. Infine, la regista Anna Kauber ne In questo mondo (2018), film vincitore della sezione Italiana.doc al 36° TFF, narra la vita delle donne pastore in Italia in un viaggio lungo 17000 km, con un inevitabile passaggio nel territorio piemontese.

La sezione di CORTOMETRAGGI propone il corto d’animazione in stile anni Trenta candidato ai Nastri d’argento 2019, New Neighbours (2018) di Sara Burgio, Andrea Mannino e Giacomo Rinaldi, sviluppato all’interno del Dipartimento di Animazione del Centro Sperimentale di Cinematografia di Torino. Frutto della prima edizione del contest Torino Factory, Tempo critico (2018) di Gabriele Pappalardo è stato girato a Torino nell’estate 2018 e dopo il successo ottenuto allo scorso TFF è arrivato fino allo Short Film Corner del Festival di Cannes. Si è guadagnato il sostegno di Film Commission Torino Piemonte – Short Film Fund, In principio (2018) del torinese Daniele Nicolosi, girato a Cameri (No), che sta partecipando a svariati festival italiani e internazionali. Mentre il regista astigiano Gino Caron, che da anni realizza corti indipendenti, sarà in rassegna con La lampara (2018), vincitore del Premio Toret Miglior Cortometraggio al 18° gLocal Film Festival.

Ospiti di Movie Tellers saranno, fra gli altri, i registi Francesco Ghiaccio, Fabrizio Galatea, Simone Catania, Anna Kauber, Nicola Bellucci, Daniele Gaglianone, Daniele Nicolosi, Gino Caron e Gabriele Pappalardo; i produttori Francesca Portalupi, Michele Fornasero, Massimo Arvat e Fabio Ferrero; gli interpreti Marco D’Amore, Giulia Barbuto Costa Da Cruz, Alice Manfredi, Margherita De Francesco e Giulia Fiorellino.

 

OMAGGIO A MARIO SOLDATI

Nel ventennale della scomparsa, Movie Tellers rende omaggio a un grande torinese come lo scrittore e regista Mario Soldati (1906-1999) e al suo Viaggio nella valle del Po – Alla ricerca dei cibi genuini, primo reportage enogastronomico della Rai, che sessant’anni fa in 12 puntate portò sul teleschermo l’Italia più schietta con le sue genti e tradizioni culinarie. L’evento speciale, realizzato grazie al patrocinio della Rai e in collaborazione con Rai Teche, anticipa la Giornata Soldati che il 37° Torino Film Festival dedicherà all’autore.