In occasione dell’apertura del festival il 24 marzo, la Diagonale 2020 assegnerà per il tredicesimo anno consecutivo il Gran Diagonale-Schauspielpreis per i contributi alla cultura cinematografica austriaca. La Diagonale è lieta di annunciare che quest’anno il premio verrà assegnato a Ursula Strauss. L’attrice teatrale, cinematografica e televisiva riceverà personalmente il riconoscimento – un’opera d’arte di Daniel Spoerri – a Graz.

“Ho recitato ovunque ci fosse occasione di recitare. Sono sempre stata in prima linea negli scout, nei gruppi giovanili e a Carnevale. […] Sapevo di aver trovato quello che volevo fare. È stato folle. Travolgente.” Con queste parole, Ursula Strauss ha parlato della sua professione nel 2019, in un’intervista a Falter.

Con il Gran Diagonale-Schauspielpreis per i contributi alla cultura cinematografica austriaca, la Diagonale rende omaggio a Ursula Strauss per il suo lavoro estremamente coerente e diversificato. “Con la sua riservata presenza, Ursula Strauss crea figure emotive, autentiche e divertenti fatte di carne e sangue che toccano, emozionano e lasciano tracce. Da quasi vent’anni è una costante indispensabile nel cinema austriaco. Apparentemente senza sforzo, crea persone con cui il pubblico può identificarsi. È un grande piacere per noi onorarla con questo meraviglioso premio “, ha dichiarato la giuria in una prima dichiarazione sul Gran Diagonale-Schauspielpreis 2020.

Dal teatro alla televisione. Dal grande schermo al cuore degli austriaci


Il Gran Diagonale-Schauspielpreis è il terzo riconoscimento per Ursula Strauss ottenuto presso la Diagonale. Nel 2008 ha ricevuto per la prima volta il Diagonale-Schauspielpreis per la sua interpretazione nel film drammatico candidato all’Oscar Revanche – Ti ucciderò (D: Götz Spielman, AT 2008), in cui ha brillato accanto a Johannes Krisch, Andreas Lust e Hanno Pöschl. “Non potevamo non notare questa straordinaria interprete. È in tre film [Half a Life (Dir: Nikolaus Leytner, AT / DE 2008), Illness of Youth (Dir: Andrina Mracnikar, Peter Brunner, Karl Bretschneider, Henning Backhaus, Stefan Brunner, AT 2007) e anche Revenche, dove offre aspetti molto diversi. Con pochi gesti, poche frasi o un movimento della testa, riesce a rappresentare in modo impressionante ogni giovane donna. […] In particolare, uno dei momenti di questo film è stato particolarmente significativo per noi membri della giuria: quando sembra dare alla storia una nuova direzione con una breve frase – forzando una svolta sorprendente – improvvisamente trasformando il suo personaggio in una donna che agisce attivamente “, ha affermato la giuria del 2008 in relazione al riconoscimento dell’attrice austriaca in un film in competizione alla Diagonale.

Per il suo ruolo nel film di Mirjam Unger Maikäfer flieg! (AT 2016), tratto dal romanzo omonimo di Christine Nöstlinger e che ha aperto Diagonale’16, Ursula Strauss è stata nuovamente insignita del Diagonale-Schauspielpreis. “Ursula Strauss interpreta la madre risoluta. così naturale che non percepisci nemmeno il fatto che stia recitando. Si fonde in questo ruolo in modo tale da farci dimenticare tutto il resto. La sua fisicità e il suo linguaggio si fanno parte di noi. La meticolosa preparazione per questo ruolo può essere sottovalutata. È un’alta recitazione con un’enorme leggerezza e precisione “, ha dichiarato la giuria nel 2016.

Ursula Strauss è nata a Melk, nella Bassa Austria nel 1974. Dopo la laurea, si trasferisce a Vienna e frequenta la scuola di recitazione al Volkstheater. Questo è stato seguito da impegni teatrali su palcoscenici famosi come il Theater in der Josefstadt, l’Ensemble Theatre e il Volkstheater di Vienna. Ursula Strauss ha interpretato i suoi primi ruoli importanti in Free Radicals di Barbara Albert (AT 2003) e due anni dopo in Crash Test Dummies di Jörg Kalts (AT 2005). La sceneggiatura del film è stata premiata con il Thomas Pluch Screenplay Award nel 2005 nel corso della Diagonale. Altre produzioni pluripremiate in cui la Strauss è stata coinvolta sono il film drammatico Fallen, che vede protagoniste cinque donne (Dir: Barbara Albert, AT 2006), che è stato presentato a Venezia nel 2006 e nel noir Revanche – Ti ucciderò (Dir: Götz Spielman, AT 2008). Quest’ultimo è stato presentato alla Berlinale nel 2008 ed è stato nominato per l’Oscar al Miglior Film Straniero nel 2009. Entrambe le opere sono state rappresentate alla Diagonale, così come nel 2011 Vielleicht in einem anderen Welt (regia: Elisabeth Scharang, AT / HU / DE 2010), sempre con Ursula Strauss. Il film Michael (Dir: Markus Schleinzer, AT 2011) racconta l’adempimento e il fallimento dell’esercizio di sottomissione da parte di un adulto su un bambino, in cui Ursula Strauss ha svolto un ruolo secondario. Il film di Schleinzer ha partecipato al concorso al Festival di Cannes 2011 e ha ricevuto cinque premi alla Diagonale 2012. Nel dramma familiare October/November (Dir: Götz Spielmann, AT 2013), la Strauss ha interpretato il ruolo di una di due sorelle che devono fare i conti con l’avvicinarsi della morte del padre. Il film è stato proiettato alla Diagonale 2014. Un altro dramma familiare è stato interpretato da Ursula Strauss nel 2015: Mein Fleisch und Blut (AT 2016) di Michael Ramsauer. Questo è stato seguito dal film d’apertura di Diagonale’16, Maikäfer flieg!.

La grande svolta televisiva è arrivata per Ursula Strauss con il ruolo del commissario Angelika Schnell in Schnell Ermittelt. La serie è diventata rapidamente una delle serie di maggior successo della ORF e Ursula Strauss è diventata una delle attrici preferite dal pubblico. Nel 2016, suo era il personaggio di Anna Sacher nella serie televisiva in due parti Das Sacher, diretta da Robert Dornhelm. La Strauss ha preso parte alla settima stagione, nel 2019, del telefilm tedesco Le Prince di Lisa Bierwirth. Nel corso della sua carriera televisiva, Ursula Strauss ha lavorato con registi come Wolfgang Murnberger, Andreas Prochaska, Nikolaus Leytner, Martin Weinhart, Lars Becker e Stefan Krohmer, prendendo anche parte alle due mini serie ORF Aufschneider e Altes Geld insieme a David Schalko. Nella nuova serie di intrattenimento ORF Wischen ist Macht, l’amatissima Strauss e la sua impresa di pulizia causano letteralmente il caos. La prima messa in onda ha avuto luogo nel gennaio 2020.

Ursula Strauss, cresciuta nella Bassa Austria, è quattro volte vincitore del premio Romy. Nel 2012 ha ricevuto l’Österreichischen Filmpreis. Al Festival di Biarritz, è stata premiata con la FIPA d’Oro come migliore attrice nel 2018. Nell’estate 2018, la Strauss ha interpretato Brunhild nella premiere di Siegfrieds Erben al Worms Festival e gli è stato assegnato il Premio Mario Adorf.

Presidente, Ambasciatrice, Cittadina onoraria

Insieme a Stefan Ruzowitzky, Ursula Strauss è presidente dell’Austrian Film Academy dal 2013. L’accademia, fondata nel 2009, si è posta il compito di promuovere e onorare i successi dell’industria cinematografica nazionale e di contribuire ai suoi progetti futuri. Ma non è solo questo il ruolo che Ursula Strauss ricopre con onorevole impegno. Non è insolito che la stessa utilizzi le luci della ribalta per attirare l’attenzione di un vasto pubblico su questioni riguardanti la politica culturale e sociale. La sua lotta per portare l’arte e la cultura nelle regioni è il simbolo del suo ampio rispetto della società. Dal 2012 Ursula Strauss organizza il festival Wachau in Echtzeit, a Melk, sua città natale.

diagonale 2020

Un premio per Ursula Strauss, progettato da Daniel Spoerri

Il vincitore del Gran Diagonale-Schauspielpreis 2020 riceverà un oggetto d’arte, progettato e donato da Daniel Spoerri. In This Movie is a Gift (AT 2019), il ritratto di Daniel Spoerri realizzato da Anja Salomonowitz può essere visto anche all’interno del programma della Diagonale 2020.

Daniel Spoerri ha raggiunto la fama mondiale con i suoi dipinti creati con oggetti di uso comune. Con l’idea di montare scene da pranzo o altre situazioni quotidiane che si trovano sui piani dei tavoli, si collega alla tradizione di Duchamp e dei suoi Objets trouvés e trasforma gli oggetti trovati in oggetti d’arte. Spoerri ha galvanizzato una scarpa per bambini per il Gran Diagonale-Schauspielpreis di quest’anno.

“Questa era la prima scarpa che veniva regalata simbolicamente a un bambino all’inizio della sua vita. All’inizio del secolo era di moda galvanizzare questa scarpa per bambini. Come dice il proverbio: cadi sette volte, alzati otto volte. ”

––– Daniel Spoerri, sull’opera d’arte che ha donato diagonale 2020

Giuria del Gran Diagonale-Schauspielpreis 2020

Ute Baumhackl (Capo del dipartimento Cultura e media, Kleine Zeitung)

Gerti Drassl (attrice, rappresentante di VdFS)

Christian Konrad (Caporedattore, ORF)

Gregor Schmidinger (regista)

Eva Spreitzhofer (regista, sceneggiatrice e attrice)

Il Gran Diagonale-Schauspielpreis 2020 sarà assegnato a Ursula Strauss durante l’apertura della Diagonale il 24 marzo alle 19.30 nella Helmut List Halle a Graz.

 

Vincitori precedenti del Gran Diagonale-Schauspielpreis

Birgit Minichmayr (2019), Ingrid Burkhard (2018), Johannes Krisch (2017), Erni Mangold (2016), Tobias Moretti (2015), Georg Friedrich (2014), Maria Hofstätter (2013), Johannes Silberschneider (2012), Senta Berger (2011), Klaus Maria Brandauer (2010), Josef Hader (2009), Karl Markovics (2008)

Print Friendly, PDF & Email